LAVORI IN CORSO

Vai ai contenuti

Menu principale:

EVENTI

NATALE CON I BAMBINI 2014

Anche quest'anno l'Associazione LAVORI IN CORSO ha voluto rendere "speciale" il Natale per i bambini che, accompagnati dalle loro mamme, si sono recati a far visita ai loro papà reclusi.
Una giornata fatta di giochi, piccoli doni, tanti sorrisi e qualche lacrima. Dove le storie raccontate dalle giovani mamme ci hanno ricordato come dietro un genitore recluso c'è un vuoto di affetti e difficoltà economiche. Una lontanaza fisica ma soprattutto affettiva che difficilmente il tempo riuscirà ad appianare.
Il lavoro da fare è tanto: NOI CI PROVIAMO.
Il 2015 ci aspetta!

Luca Ward per l'Associazione Lavori in Corso

Parte con l'augurio di uno dei più bravi attori e doppiatori italiani la nuova sfida dell'associazione "Lavori in Corso": un laboratoroi teatrale con i detenuti della Casa Circondariale.
Gli aspiranti attori, sotto la guida di Marco Barbaro e Annalisa Vespa, stanno lavorando per mettere in scena uno spettacolo ispirato all'opera teatrale "Pinocchio" di Carmelo Bene.


Luca Ward per LAVORI IN CORSO
il docente stefano aquilano con il presidente umberto di gioia
gruppo corso internet per tutti

INTERNET PER TUTTI

Corso di formazione sull'utilizzo di internet, tenuto dal volontario Stefano Aquilano.

LUCERA, 15 NOVEMBRE 2013
INCONTRO – DIBATTITO
“LEGALITÀ È AMORE PER LA TERRA”


L’Associazione di Volontariato LAVORI IN CORSO nell’ambito delle sue attività di sensibilizzazione e promozione della cittadinanza attiva intende realizzare un incontro-dibattito sul tema della legalità e su che cosa concretamente possa significare “Amore per la propria terra”.
L’incontro muove dalla convinzione che la prevenzione del crimine e della devianza si attui soprattutto attraverso azioni culturali che inducano la cittadinanza a PARTECIPARE ATTIVAMENTE per il miglioramento della vita comune.
Perché solo valorizzando il territorio (inteso come tessuto sociale, politico, produttivo) si può parlare veramente di legalità.
L’incontro-dibattito sarà incentrato sulla presentazione del libro: “Due tre croci sopra. Romanzo sui percolati della politica con la p invisibile” (Gelsorosso Editore).
Il Romanzo, scritto dal Dott. Piero ROSSI (Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà), ci aiuterà a riflettere su un tema scottante: cosa si nasconde dietro un voto espresso nel segreto di una cabina elettorale? Ci ritroveremo immersi in una nuova periferia umana che ruota e si dipana dalla «sezione elettorale duecentoventitre», specchio della crisi politica e morale che stiamo vivendo. Affari e malaffare, etica, politica, democrazia partecipata.
L’incontro sarà animato da letture di brani e musiche, nonché dalla degustazione di prodotti tipici locali.
Il nostro territorio trova nella Terra la sua risorsa fondamentale: i nostri prodotti sono noti nel mondo e spesso ne dimentichiamo l’importanza.

Udienza papale del 18 settembre 2013.

“Ne vale la pena?”: è questa la domanda che nei momenti di difficoltà ci facciamo. Vale la pena regalare il nostro tempo a chi ha sbagliato e con tutta probabilità continuerà a farlo? Per chi difficilmente ti dirà mai grazie? Sforzarsi di collaborare con persone tanto diverse da te, che spesso non comprendono il tuo operato?
Abbiamo deciso di fare un viaggio, nonostante le mille difficoltà, alla ricerca di un segno, di una spinta per ricominciare il nostro nuovo anno di attività: siamo andati da Papa Francesco.
E lì ci accolti una sorpresa inaspettata, forse il “segno” che cercavamo.
Una grande statua ha attraversato piazza S. Pietro gremita: San Michele Arcangelo, che schiaccia il demonio e lo vince. Quel demonio che deturpa il volto dell’uomo e lo accusa agli occhi di Dio per il male commesso è soggiogato da Michele, che mostra all’uomo come si possa riequilibrare la bilancia della Giustizia facendo il bene. Questa statua ha richiamato l’importanza del nostro lavoro di volontari penitenziari: noi che abbiamo il compito di ricordare a chi ha sbagliato che l’ uomo non è il suo errore e che chiunque può avere una nuova vita, all’insegna del bene.
Papa Francesco, con le sue parole, ci ha poi mostrato come dobbiamo affrontare il nostro compito: “quando un figlio cresce, diventa adulto, prende la sua strada, si assume le sue responsabilità, cammina con le proprie gambe, fa quello che vuole, e, a volte, capita anche di uscire di strada, capita qualche incidente. La mamma sempre, in ogni situazione, ha la pazienza di continuare ad accompagnare i figli. Ciò che la spinge è la forza dell'amore; una mamma sa seguire con discrezione, con tenerezza il cammino dei figli e anche quando sbagliano trova sempre il modo per comprendere, per essere vicina, per aiutare. Noi – nella mia terra – diciamo che una mamma sa "dar la cara". Cosa vuol dire questo? Vuol dire che una mamma sa "metterci la faccia" per i propri figli, cioè è spinta a difenderli, sempre. Penso alle mamme che soffrono per i figli in carcere o in situazioni difficili: non si domandano se siano colpevoli o no, continuano ad amarli e spesso subiscono umiliazioni, ma non hanno paura, non smettono di donarsi.”
Durante questo nuovo anno, dunque, seguiremo le parole di Francesco: anche noi ci sforzeremo di “metterci la faccia”, di capire, di aiutare, di incoraggiare chi ha sbagliato, senza giudicare, offrendo il nostro aiuto a chi è entrato nel baratro, per donare un po’ di speranza.

Per vedere le foto dell'iniziativa, visita la nostra pagina FB!

Presentazione del libro
- "Le righe in bianco" : parole e colori dal carcere -
31 maggio 2013, alle ore 20.00, presso la Basilica Minore di S. Francesco Antonio Fasani di Lucera.

La manifestazione ha proposito non solo la mera promozione del testo realizzato dai detenuti della casa Circondariale di Lucera sotto la supervisione e la cura di Umberto Di Gioia e Antonietta Clemente, ma soprattutto ha condotto gli spettatori in un itinerario fittizio alla scoperta dell’ambiente carcere. Il libro, che è il frutto di un lungo e difficile percorso iniziato nel 2010 che ha coinvolto i volontari dell’associazione “Lavori in corso” ed i detenuti, racchiude le poesie ed i quadri elaborati da questi ultimi.  In particolare, il ” gruppo poetico” ha portato a termine un percorso di riflessione, dialogo e condivisione, sui “grandi temi” trattati dalla Poesia; i corsisti, mediante la lettura e la discussione dei versi di scrittori noti, a loro volta, sono diventati soggetti attivi componendo poesie sui loro vissuti, le loro emozioni, i loro propositi. Il “gruppo di pittura”, invece, ha condotto i partecipanti all’espressione empatica di gioie, paure, istinti, desideri e ricordi attraverso la forza istintuale del colore.

Di fondamentale importanza è stata la presenza di alcuni dei detenuti che hanno portato alla realizzazione del libro e di tutti i volontari dell'Associazione Lavori in corso. Attraverso la lettura dei versi delle poesie e la spiegazione dei colori delle tele, sono state narrate: la sofferenza della solitudine, il rimorso e la paura, la speranza del riscatto, la voglia di crescere attraverso l’esperienza del nuovo che hanno vissuto nel percorso intrapreso.
Durante la serata si sono esibiti in concerto i ragazzi della “Orchestra Nova”, nata dalla volontà dei frati della Chiesa di S. Antonio di Foggia di prevenire la devianza giovanile attraverso l’arte, è composta da 72 ragazzi uniti dall’amore e la passione per la musica, dalla dedizione allo studio, dall’entusiasmo di realizzare un sogno.


per ulteriori informazioni e per leggere delle altre iniziative di presentazione "itineranti"
visita la pagina facebook




LE RIGHE IN BIANCO: PAROLE E COLORI DAL CARCERE


Il libro è il frutto di un lungo e difficile percorso iniziato nel 2010 che ha coinvolto i volontari della associazione “Lavori in corso” ed i detenuti “protetti” della Casa Circondariale di Lucera.
Il libro contiene le poesie scritte dai detenuti ed i quadri da loro dipinti.
In particolare, il ”gruppo poetico” ha rappresentato un percorso di riflessione, dialogo, condivisione, sui “grandi temi” trattati dalla Poesia. I corsisti hanno letto e discusso versi di scrittori noti e, a loro volta, sono diventati soggetti attivi scrivendo poesie sui loro vissuti, le loro emozioni, i loro propositi.
Il “gruppo di pittura” è stato un luogo in cui i partecipanti hanno espresso gioie, paure, istinti, desideri e ricordi attraverso la forza istintuale del colore.
Il libro racconta questo percorso, sofferto e profondo.
Se sei interessato lo trovi in qualche libreria, ma soprattutto in vendita on line.
Per il momento è in vendita in versione cartacea nelle librerie di Foggia e Lucera;
su internet
potete trovarlo anche sul sito ibs (scontato)
oppure inviando una mail ad info@lavori-incorso.it
Considerato che la casa editrice che lo pubblica non è certo la Mondadori, se vuoi pure farmi un minimo di pubblicità te ne saremo grati.
…per il momento ti invito a mettere un “mi piace” (è gratis) sulla pagina FB del libro qui:





PRIMO QUADRANGOLARE "LE QUATTRO MURA"

Sabato 11 maggio, alle ore 11.00 ha avuto luogo la prima edizione del quadrangolare di calcio “LE QUATTRO MURA”, presso la Casa Circondariale di Lucera,realizzato dai volontari dell’associazione “LAVORI IN CORSO”, con l’obiettivo di promuovere l’integrazione sociale e culturale delle persone ristrette, attraverso lo sport, importante risorsanella lotta contro l’esclusione sociale.Il torneo ha portato non solo momenti di pacato diletto ma soprattutto è stato motivo di coesione tra i reclusi poiché essi hanno avuto la possibilità di esibirsi come parte di un unico gruppo, un gruppo che non si può più definire di prigionieri, ma gruppo di “persone”. I ragazzi detenuti che vi hanno partecipato e che sono risultatati vincitori del trofeo sono stati ad esso preparati durante lo svolgimento del Corso di “Sensibilizzazione corporea” tenuto dall’istruttorePasquale Vitacchione e Michele Bozzino.

Tale corso,attraverso sia esercizi di attività fisica sia attraverso il contatto e il sostegno dei volontari, mira non solo a dare libero sfogo ai movimenti del corpo ma anche caldeggiare quanto più possibile il reinserimento sociale dei detenuti. E’ importante la diffusione di tali progetti poiché mirare l’idea di una società più unita e più aperta significa mirare alla visione di una società civile.


NATALE CON I BAMBINI

Musica, giochi, regali per i bambini, figli dei detenuti che il giorno di Natale andavano a far visita al papà recluso. Per rendere meno traumatico il ricordo di questo giorno.

Corso di Formazione per  ASSISTENTI PENITENZIARI VOLONTARI

L’Associazione LAVORI IN CORSO, in partenariato con la Casa Circondariale di Lucera, e l’Associazione CRAL Comune di Lucera, propone il Corso di formazione per Volontari in Ambito penitenziario.
Il corso consentirà agli aspiranti volontari e ai volontari già attivi di acquisire le informazioni di base sulla legislazione e sulla governance del complesso sistema penitenziario, oltre a imparare a gestire i propri comportamenti nel rapporto con i diversi soggetti.
Il corso è strutturato in nove incontri di tre ore ciascuno, dove verranno affrontate alcune problematiche come la realtà carceraria e le figure coinvolte, le tecniche di colloquio e di comunicazione, la normativa di riferimento.
OBIETTIVI DEL CORSO
• far prendere coscienza ai volontari delle caratteristiche del loro ruolo e dell’importanza che rivestono nella creazione di un rapporto con persone che hanno problematiche specifiche e diverse;
• rafforzare la consapevolezza di lavorare in gruppo e l’importanza di adottare modalità di relazione coerenti, nonchè la responsabilità di operare all’interno di un carcere;
• conoscere l’istituzione con cui ci si rapporta e individuare prassi di collaborazione;
• sensibilizzare la società libera sulle tematiche della realtà penitenziaria e stimolare l’avvio di nuove proposte di intervento.
PROGRAMMA
Presentazione Dott. Umberto Di Gioia
Presidente Ass.ne “Lavori in Corso”
Avv. Antonietta Clemente
L’organizzazione di un istituto penitenziario e il regolamento penitenziario Dott. Davide Di Florio
Direttore Casa Circondariale di Lucera
Il trattamento rieducativo: Le principali problematiche carcerarie
Area Educativa
Casa Circondariale di Lucera
Le Tecniche di ascolto attivo e di comunicazione efficace
La gestione dei conflitti nella relazione d'aiuto Dott. Dante Guida
Responsabile Servizio Politiche Sociali Comune di Lucera
Normativa italiana  Avv. Antonietta Clemente
Conoscenza delle dinamiche relazionali nel rispetto delle differenze individuali
Dott. Dante Guida
Responsabile Servizio Politiche Sociali Comune di Lucera
Workshop e testimonianze Operatori Penitenziari
Il ruolo del volontario: Aspetti etici e morali
Dott. Umberto Di Gioia
Presidente Ass.ne “Lavori in Corso”
Incontro conclusivo Dott. Umberto Di Gioia
Presidente Ass.ne “Lavori in Corso”
Avv. Antonietta Clemente

CORSO DI FORMAZIONE "COMUNICARE CON GLI ADOLESCENTI"

Rivolto a 25 volontari, educatori, catechisti, genitori, cittadini, interessati a conoscere il mondo degli adolescenti ad apprendere efficaci tecniche di comunicazione.

CORSO DI ARTE TERAPIA

Corso di formazione per volontari sul tema dell’arteterapia. Il corso ha indagato, attraverso la sperimentazione, una modalità di utilizzo dello strumento espressivo, tipico dell’arteterapia, che si concentra sulle possibilità di espressione emotiva e sulle potenzialità relazionali del dialogo creativo. Attraverso l'arteterapia si rende concreto e si mostra l'immaginario avvicinando operatore e utente in una relazione profonda; si rendono condivisibili, riconoscibili, parti di desideri, traumi, aspirazioni, inquietudini e problemi che altrimenti perturbano sopiti e incompresi. Nello specifico, il corso vuole fornire le competenze di base su i mezzi espressivi del disegno e della pittura, permettendo ai volontari il loro utilizzo in un contesto di sperimentazione. Gli incontri hanno previsto momenti di lavoro diversi: una parte teorica, sui principibase dell’arte terapia, e una parte pratica, destinata all’apprendimento delle tecniche pittoriche di base e a lavori di gruppo per la realizzazione di un progetto di arte terapia. Il corso è servito a preparare al meglio i volontari che lavorano con categorie “deboli”, quali disabili, anziani, ammalati, carcerati, adolescenti con disagi psicologici, che potranno trovare nel disegno e nella pittura un mezzo importante per esprimere e comunicare la loro interiorità, punto di inizio per alleviare le poro problematiche.


GUARDA IL VIDEO!

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu