Il “Sistema Mikhael” è un sistema di intervento al nucleo familiare, che pone al centro delle proprie azioni progettuali i bambini figli di genitori detenuti.

E’ un complesso strutturato di accoglienza e preparazione all’incontro per i minori e le loro famiglie con il genitore/parente detenuto, che vuole attenuare l’impatto potenzialmente traumatico al carcere e consentire ai bambini di vivere meglio.

E’ un luogo fisico e relazionale di prese in carico, dove costruire nel tempo relazioni di sostegno e accompagnamento alla difficile esperienza dell’incontro in carcere.

Il “Sistema Mikhael” permette di rispondere all’obiettivo 10.2 dell’Agenda 2030: “Entro il 2030, potenziare e promuovere l’inclusione sociale, economica e politica di tutti, a prescindere da età, sesso, disabilità, razza, etnia, origine, religione, stato economico o altro”; molti minori, con genitori detenuti, non solo vivono una condizione di disuguaglianza di partenza ma anche di mancato accesso ad opportunità educative e lavorative idonee a ridurre la loro condizione di svantaggio.

 

Bambini e carcere

Progetti rivolti alla tutela di quei bambini di cui uno o entrambi i genitori sono detenuti.

Luoghi fisici e relazionali  in cui i bambini si preparano all’incontro con il genitore, per comprendere meglio le emozioni dell’incontro, accompagnati da operatori opportunamente formati.